Poesia di Claudio Ardigò

Vorrei
scrivere di te
quando tenevamo
i sogni per mano
nelle mie mani
da falegname
nelle tue mani
di carta e dolore
le mie mani
che hanno accarezzato
quelle di Borges
le tue mani
poesia di donna
le mie mani ferite
sangue
latte caldo delle vene
nelle tue mani
hai sempre dei papaveri
quando il tuo corpo
si lascia andare
con impazienza
tra le mie mani
le tue mani
raccolgono stelle
nascondendo
lì mio destino
le mie mani
che stringono tutto
che non stringono niente.
Claudio Ardigò © tutti i diritti riservati

 

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    you may like this post

    Style Selector

    Colors

    Layout Style

    Patterns for Boxed Version

    Images for Boxed Version